sexta-feira, 1 de julho de 2022

Pensioni INPS - Campagna di verifica di accertamento di esistenza in vita per gli anni 2022-2023

Si segnala che per quanto riguarda i beneficiari di prestazioni pensionistiche che riscuotono all'estero, residenti in Europa, la verifica dell'esistenza in vita con riferimento agli anni 2022 e 2023 si svolgerà da settembre 2022 a gennaio 2023.

Le comunicazioni saranno inviate da Citibank ai pensionati a partire dal 14 settembre 2022 e gli stessi dovranno far pervenire alla banca le attestazioni di esistenza in vita entro il 12 gennaio 2023.
Nel caso in cui l’attestazione non sia prodotta, il pagamento della rata di febbraio 2023, laddove possibile, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza. In caso di mancata riscossione personale o produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 febbraio 2023, il pagamento delle pensioni sarà sospeso a partire dalla rata di marzo 2023.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dell’INPS al link:
https://www.inps.it/prestazioni-servizi/accertamento-esistenza-in-vita-dei-pensionati-che-riscuotono-all-estero

 

sexta-feira, 3 de junho de 2022

Consolato di Porto e Libreria Lello festaggiano il 2 giugno

 

  • Lo scorso 2 giugno, dopo due anni di sospensione, il Consolato di Oporto ha celebrato presenzialmente la ricorrenza della Festa della Repubblica italiana presso l’iconica Libreria Lello nel centro storico di Porto. 

     

     

    L’evento svoltosi nella mattinata del 2 giugno è iniziato con l’apertura simbolica delle porte della Libreria effettuata dal Console On. Paolo Pozzan alla quale è seguito un breve messaggio in lingua portoghese ed inglese (visto l'elevato numero di turisti stranieri) sul significato ricorrenza del 2 giugno per l’Italia, ed una performance di musica e poesia italiana organizzata e realizzata dalla dott.ssa Maria Bochicchio e Arch. Francesco Cancelliere.




quarta-feira, 23 de fevereiro de 2022

MODALITA' PER L’ENTRATA IN PORTOGALLO -Febbraio 2022

In considerazione della situazione epidemiologica del Portogallo, dal 19 febbraio 2022 fino al 7 Marzo 2022 vige lo stato di allerta.

Tutti i passeggeri di età pari o superiore ai 12 anni che fanno ingresso o transitano in Portogallo, devono presentare uno dei seguenti documenti:

  • Certificato UE di guarigione o equivalente, oppure
  • Certificato UE di vaccinazione completata da più di 14 giorni o equivalente (sono sufficienti due dosi), oppure
  • Certificato di test molecolare negativo (NAAT), eseguito non più di 72 ore prima della partenza, oppure Certificato di test antigenico, eseguito non più di 24 ore prima della partenza.

Si evidenzia che dal 7 febbraio 2022 in Portogallo il test antigenico ha una validità massima di 24h e non più 48h. Il test PCR continua a mantenere la validità di 72 ore.

Tutti i passeggeri dovranno inoltre obbligatoriamente compilare il modulo di localizzazione digitale (PLF) del Governo portoghese disponibile al https://portugalcleanandsafe.pt/en/passenger-locator-card

Per eventuali verifiche della correttezza/completezza della documentazione (PLF + Certificati) prima del viaggio si consiglia comunque di contattare le compagnie aeree.

Per maggiori informazioni, si prega di consultare la normativa di riferimento attualmente in vigore:
https://dre.pt/dre/detalhe/despacho/2181-b-2022-179423775

e il sito dell'Autorità competente per le frontiere (SEF) alla seguente pagina in lingua inglese:
https://imigrante.sef.pt/covid-19/faqs/

quinta-feira, 16 de dezembro de 2021

MODALITA' DI RIENTRO IN ITALIA

Con ordinanza del 14 dicembre 2021 il Ministero della Salute ha fissato nuove regole d’ingresso in Italia per chi ha soggiornato o transitato nei 14 giorni precedenti in uno o più Stati di cui all’Elenco C dell’Allegato 20 del dpcm 2 marzo 2021, tra cui è compreso anche il Portogallo.

L’ingresso è consentito alle seguenti 3 condizioni:

  1. presentazione al vettore al momento dell'imbarco e a chiunque è deputato a effettuare controlli, del Passenger Locator Form in formato digitale mediante visualizzazione dal proprio dispositivo mobile oppure in copia cartacea stampata;
  2. presentazione al vettore al momento dell'imbarco e a chiunque è deputato a effettuare controlli, di una delle certificazioni verdi COVID-19 (aver completato il ciclo vaccinale anti-SARS-CoV-2 da almeno 14 giorni o certificato di guarigione);
  3. presentazione al vettore al momento dell'imbarco e a chiunque è deputato a effettuare i controlli, della certificazione di essersi sottoposto:
    • nelle quarantotto ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale a un test molecolare effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
    • ovvero nelle ventiquattro ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale a un test antigenico effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo.

In caso di mancata presentazione di una delle 3 predette certificazioni, fermo restando l'obbligo di sottoporsi al test molecolare o antigenico, si applica la misura dell'isolamento fiduciario per cinque giorni presso l'indirizzo indicato nel Passenger Locator Form, con l'obbligo di sottoporsi a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone, alla fine di detto periodo.

MINORI
Tutti i bambini di età inferiore a 6 anni in ingresso in Italia sono sempre esentati da tampone pre-partenza; gli stessi sono esentati anche dall’isolamento fiduciario nel caso in cui il genitore accompagnatore con cui viaggiano non ha questo obbligo.
Tutti i minori di età maggiore o uguale a 6 anni sono tenuti a fare il tampone pre-partenza, qualora non siano in possesso anche del certificato vaccinale o di guarigione sono esentati dall’isolamento fiduciario nel caso in cui il genitore accompagnatore con cui viaggiano non ha questo obbligo.
L’ordinanza completa è disponibile al seguente link
Per maggiori informazioni, si prega di consultare il sito del Ministero della salute al seguente link

Le nuove regole si applicano dal 16 dicembre 2021 fino al 31 gennaio 2021.

 

Viaggiare nell'Unione Europea e nello spazio Schengen

Il sito web dell'Unione europea https://reopen.europa.eu fornisce informazioni su ogni paese in merito a frontiere, mezzi di trasporto disponibili, restrizioni in vigore, misure sanitarie e di pubblica sicurezza, nonché altre informazioni pratiche per i viaggiatori in tutte le lingue europee. Le normative in vigore a livello mondiale sono disponibili presso il Travel Centre della IATA (Associazione internazionale del trasporto aereo).

quarta-feira, 15 de dezembro de 2021

MODALITA' PER L’ENTRATA IN PORTOGALLO

Considerando la situazione epidemiologica del Portogallo, dal 1º dicembre 2021 fino al 20 Marzo 2022 vige lo stato di calamità.

L'ingresso o il transito in Portogallo per via aerea anche se vaccinati e in possesso del Certificato verde è consentito solo dietro presentazione della prova con esito negativo del test molecolare (TAAN) realizzato nelle 72 ore precedenti l'ora dell'imbarco, o antigenico (TRAg) realizzato nelle 48 ore precedenti l'ora dell'imbarco. Sarà possibile presentare il certificato di guarigione in corso di validità in alternativa al test. I bambini di età inferiore ai 12 anni sono esenti dal presentare il suddetto test.

Tutti i passeggeri dovranno inoltre obbligatoriamente compilare il modulo di localizzazione digitale (PLF) del Governo portoghese disponibile al https://portugalcleanandsafe.pt/en/passenger-locator-card

Per eventuali verifiche della correttezza/completezza della documentazione (PLF + Certificati) prima del viaggio si consiglia comunque di contattare le compagnie aeree.

Per l’ingresso attraverso la frontiera terrestre, il Governo ha stabilito che:

1 – Tutti i cittadini provenienti da Paesi al di fuori dell'Unione Europea o da Paesi considerati a rischio rosso o rosso scuro, quando non in possesso di Certificato Digitale da cui risulti anche l’esito negativo del test o della guarigione da COVID, devono presentare una delle due alternative:

a) Risultato del test molecolare negativo realizzato nelle ultime 72 ore;

b) Risultato del test antigenico negativo realizzato nelle ultime 48 ore.

2 - I cittadini dei Paesi UE considerati a rischio basso o moderato devono presentare il Certificato Digitale che contenga le informazioni circa il completamento della vaccinazione o della guarigione o del test.

3 - I lavoratori transfrontalieri - considerati tali per lo svolgimento della propria attività professionale entro i 30 chilometri dal confine e i lavoratori dei servizi essenziali (quali trasporto merci e passeggeri, emergenza e soccorso, servizi di sicurezza e emergenza) devono presentare il Certificato Digitale in una delle tre modalità di cui al predetto punto 2.

La Guardia nazionale repubblicana (GNR) e il Servizio per gli stranieri e le frontiere (SEF) effettueranno operazioni di ispezione a campione ai valichi di frontiera. Chiunque non presenti uno dei suddetti certificati è invitato ad effettuare il test (a proprie spese) nei luoghi indicati dalle autorità sanitarie e dovranno li attendere il rispettivo esito. Chi non presenta la prova del test o si rifiuta di effettuare uno dei suddetti test è sanzionato con una multa da 300 a 800 euro.

Per maggiori informazioni, si prega di consultare la normativa di riferimento attualmente in vigore:

https://dre.pt/dre/detalhe/resolucao-conselho-ministros/157-2021-175043501

e il sito dell'Autorità competente per le frontiere (SEF) alla seguente pagina in lingua inglese:

https://imigrante.sef.pt/covid-19/faqs/

 

quinta-feira, 2 de dezembro de 2021

ASSISTENZA AI CONNAZIONALI

 I connazionali che abbiano bisogno di assistenza potranno contattare telefonicamente gli Uffici Consolari al numero +351 21 3515320 (dalle ore 9 alle ore 19), e al numero di emergenza +351 91 9523500 (attivo dalle 19.00 alle 22.00) e scrivere alla casella di posta elettronica lisbona.assistenza@esteri.it . In caso di REALE EMERGENZA e in orario diverso da quello di apertura degli uffici o di reperibilità, è possibile contattare il funzionario di turno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: ROMA - D.G.A.I. Ufficio V - E-mail: dgaiuff5ft@esteri.it  Tel. +39 06 3691 2666
Per comprovate urgenze collegate alla sintomatologia da Coronavirus e la prescrizione di farmaci salvavita, l’Ambasciata di Lisbona potrà fornire ai connazionali i recapiti di alcuni medici italiani operanti in Portogallo con cui si è in contatto. Per tutte le altre visite mediche di altra natura, invece, si potrà continuare a ricorrere al sistema sanitario portoghese.

TEMPORANEE MODIFICHE ALL'EROGAZIONE DEI SERVIZI CONSOLARI
ATTENZIONE: a partire dal 13 marzo 2020 e fino a nuove disposizioni, la ricezione del pubblico presso gli Uffici della Cancelleria Consolare avverrà solo previo appuntamento. Per maggiori informazioni si rinvia alla sezione ''Nuove modalità di accesso ai servizi consolari''.

quarta-feira, 1 de dezembro de 2021

RESTRIZIONI INTERNE - MISURE DI CONTENIMENTO IN VIGORE- DICEMBRE 2021

 

A partire dal primo dicembre 2021 saranno adottate in Portogallo continentale le seguenti misure:

  • Uso obbligatorio della mascherina in tutti gli spazi chiusi e in tutti gli spazi non esclusi dal DGS;
  • Obbligatoria la presentazione del Certificato Digitale UE COVID per l'accesso a:
    1. strutture ricettive;
    2. ristoranti e strutture simili;
    3. eventi con posti assegnati;
    4. palestre
  • Obbligatoria la presentazione di un test negativo (anche per vaccinati) per l'accesso a:
    1. Strutture residenziali per anziani;
    2. Strutture sanitarie in caso di visite agli utenti ricoverati;
    3. Eventi di grandi dimensioni senza posti assegnati o impianti sportivi;
    4. Bar e discoteche.

Dal 2 al 9 Gennaio sarà inoltre prevista la chiusura di bar e discoteche.

Per eventuali informazioni aggiuntive si prega di consultare il sito https://covid19estamoson.gov.pt/

Per eventuali informazioni relative al rilascio del Certificato verde in Portogallo
https://www.sns24.gov.pt/guia/certificado-digital-covid-da-ue/

  

In presenza di sintomi influenzali (tosse, febbre e difficoltà respiratorie) rimanere in casa e chiamare la linea telefonica SNS24 808 24 24 24 (attiva dal Portogallo).

Le Autorità portoghesi indicano che i viaggiatori che rientrano dalle aree interessate dalla diffusione del COVID-19, che presentino sintomi indicativi di malattie respiratorie, durante o dopo il viaggio, prima di recarsi presso un centro di salute, debbano chiamare il numero 808 24 24 24 (SNS24), dando informazioni sulle proprie condizioni di salute e sui viaggi effettuati, seguendo le indicazioni che potranno essere fornite.

Gli aeroporti portoghesi dispongono di un sistema di misurazione della temperatura corporea all’arrivo. Ulteriori informazioni sono disponibili sul seguente sito: https://www.ana.pt/en/passenger-guide/what-you-need-to-know/covid-19

Per la realizzazione del test Covid-19 in territorio portoghese, si consiglia di consultare il sito dell'Autorità sanitaria portoghese (SNS) https://covid19.min-saude.pt/infoadrpcc/ dove è presente la lista dei laboratori che effettuano il test divisi per Regioni/Cittá in Portogallo.
Per la lista dei laboratori che realizzano il test nei vari aeroporti portoghesi si prega di consultare il seguente sito https://www.ana.pt/en/corporate/ana/faq . Si consiglia ad ogni modo di effettuare sempre il test prima di arrivare in aeroporto al fine di evitare eventuali ritardi nel rilascio del risultato del test e conseguente possibilità di perdere il volo o vedersi negato l'imbarco.

DISPOSIZIONI PER L’INGRESSO ALLE AZZORRE: l’ingresso è concesso per viaggi essenziali e non essenziali dietro presentazione di Test molecolare (RT-PCR o equivalente test NAAT) 72 ore prima dell’imbarco o test antigenico rapido 48 ore prima dell’imbarco o Certificato COVID Digitale dell’UE. I passeggeri possono fare il test gratuitamente all’arrivo e attendere il risultato in isolamento precauzionale (risultato disponibile in 12 - 24 ore). I bambini di età inferiore ai 12 anni non devono presentare il test. Tutti i viaggiatori sono tenuti a compilare preventivamente un questionario, disponibile su: https://mysafeazores.com .
Per maggiori informazioni sulla situazione epidemiologica e per le misure in vigore localmente si prega di consultare il sito https://covid19.azores.gov.pt/ e il sito www.visitazores.com .

MADEIRA: l’ingresso è concesso per viaggi essenziali e non essenziali dietro presentazione di test molecolare (RT-PCR o equivalente test NAAT) – 72 ore prima dell’imbarco, o Certificato vaccinale (2 dosi, 14 giorni prima dell’ingresso in Portogallo), o Certificato COVID Digitale dell’UE

I passeggeri possono effettuare il test all’arrivo e attendere il risultato in isolamento (risultato disponibile in 12 - 24 ore), o rispettare l’isolamento volontario, della durata di 10 giorni, presso il proprio domicilio o presso la struttura alberghiera. I bambini di età inferiore ai 12 anni non devono presentare il test. Tutti i visitatori sono tenuti a registrarsi su: https://madeirasafe.com/ . Maggiori informazioni sono disponibili sul sito http://www.visitmadeira.pt/ 

Viaggi di cittadini portoghesi fuori dal Portogallo
I cittadini portoghesi o residenti in Portogallo dovranno consultare il Portal das Comunidades:
www.portaldascomunidades.mne.pt/pt/conselhos-aos-viajantes . A chi è in viaggio e ha bisogno di assistenza per il rientro in Portogallo, il Ministero degli Affari Esteri portoghese mette a disposizione due linee di emergenza per i viaggiatori - gec@mne.pt / +351 217 929 714 / +351 961 706 472